• Voglio ridurre i costi di telecomunicazione
  • Ho il sospetto di subire fatturazioni errate e voglio controllare il fornitore
  • Sono in prossimità della scadenza contrattuale e voglio guadagnare visibilità sui consumi per chiedere un’offerta competitiva senza dipendere dall’operatore (e ridurre il lock-in)
  • Voglio migliorare la gestione delle attivazioni / cessazioni / migrazioni dei servizi e degli asset (SIM, Telefoni)
  • Spendo troppo tempo nel processo di contabilizzazione e benestare al pagamento delle fatture e voglio una soluzione che semplifichi il compito
  • Ho esigenze di contabilità analitica che il fornitore non riesce a soddisfare.
  • Voglio informare e sensibilizzare i dipendenti sui consumi e sui costi, per spingere verso un uso più corretto dei servizi.

I saving conseguibili dipendono ovviamente dalla categoria merceologica; si stima ad esempio che l’implementazione di un programma completo di TEM consenta in un anno di ridurre mediamente la spesa in Telecomunicazioni di circa il 35%, in modo strutturale.

In aggiunta e a sostegno del saving iniziale, il controllo delle fatture e l’ottimizzazione costante dei consumi e dell’utilizzo dei servizi può consentire fino a un ulteriore 15 - 20% di risparmio.

Esemplificando, possiamo suddividere gli errori di fatturazione in due categorie principali: quelli dovuti ad errore umano e quelli dovuti ad errore software.

  1. La prima categoria include tutti gli errori legati tipicamente all’operatività di attivazione (o migrazione) dei servizi e di caricamento degli sconti negoziati. Questo tipo di errore si manifesta soprattutto nella fase iniziale del contratto, con il cambio del fornitore e/o il cambio delle condizioni negoziate, ed è tanto più frequente quanto più complesso è il servizio.
  2. La seconda categoria include, invece, gli errori dovuti all’errato funzionamento dei sistemi di fatturazione del fornitore. Questo tipo di errore si manifesta in occasione dell’introduzione di nuove offerte da parte del fornitore e può essere legato anche a problemi di configurazione o di compatibilità dei servizi.

E’ necessario osservare che dall’analisi dei dati di fatturazione emergono regolarmente anche i problemi di incongruenza tra configurazione del servizio e l’effettivo utilizzo che ne viene fatto; le azioni di ottimizzazione che ne conseguono rappresentano un’altra area di saving anche più importante degli errori di fatturazione.

Reportistica per Controllo della Fattura (verifica applicazione delle condizioni negoziate)

  • report dei costi, contenente una vista riassuntiva della fattura
  • report dei consumi, contenente i volumi (chiamate / minuti / kbyte) e costi netti per direttrice sintetica
  • report di capienza dei bundle shared / a contratto
  • report esito controllo, contiene le informazioni necessarie alla eventuale contestazione degli errori

Reportistica per Controllo della Spesa (top spender)

  • report dei top spender con costi netti per direttrice (per utente)
  • report dei top consumer dati per tipologia di traffico (consumi per utente, per APN)

Reportistica di Analisi dei Trend (a livello di singola ragione sociale / contratto e aggregato a livello di Gruppo)

  • report di trend costi (costi del traffico per direttrice sintetica, costi dei canoni per famiglia) e analisi variazioni YoY
  • report di trend consumi (volumi di traffico per direttrice sintetica) e analisi variazioni YoY
  • report di trend consistenze (conteggio delle quantità per piano / opzione / bundle) e analisi variazioni YoY

Reportistica per Contabilità e Chargeback

  • report dei costi netti per utente e CdC (*)
  • report per benestare alla spesa
  • report delle contestazioni (dispute management)
  • analisi andamentale e scostamento dal budget
  • riconciliazione contabile con dispute (fatture / riaccrediti richiesti / riaccrediti ricevuti)

Reportistica per Inventory Management

  • report delle consistenze, contenente il conteggio dei piani tariffari / opzioni / bundle presenti in fattura e le loro movimentazioni rilevate nel bimestre (attivazioni / migrazioni / cessazioni)
  • report anagrafica master, con piano tariffario / opzioni / bundle attivi per utente
  • report utenze “silenti”

(*) Consente il riaddebito dei costi netti sostenuti (dopo tutti gli sconti) da ciascun utente, con il dettaglio del traffico per direttrice dei canoni, ripartendo gli sconti “a corpo” per pertinenza sul singolo utente e sulla singola direttrice (riconciliazione costi lordi – sconti). Permette di superare il problema degli sconti “a corpo” che non permettono una ri-attribuzione diretta dei costi all’utente.

Siamo sempre più frequentemente ingaggiati dai nostri clienti multinazionali con casa madre in Italia per rinegoziare i contratti delle loro subsidiary Europee.

In particolare, abbiamo supportato negoziazioni in Belgio, Danimarca, Finlandia, Francia, Germania, Irlanda, Lussemburgo, Olanda, Norvegia, Portogallo, Romania, Spagna, Slovacchia, Svezia, Ungheria, UK, Russia.

Il portafoglio applicazioni SW che abbiamo sviluppato è in grado di processare tutti i formati di fatturazione per Servizi di Telecomunicazioni (mercato Corporate) presenti in Italia.

La disponibilità delle fatture in formato processabile (in funzione dell’operatore, i vari formati ASCII, CSV, XML o Excel) è chiaramente un prerequisito indispensabile per le attività di controllo e reporting.

  • Controllo fatture BT – Servizi di Fonia Fissa, Rete Dati: formato Excel con documentazione dei dettaglio del traffico, in CSV.
  • Controllo fatture Colt – Servizi di Fonia Fissa, Rete Dati: file CDR (nomefile: BCN_NUMEROFATTURA.cat.zip).
  • Controllo fatture Fastweb – Servizi di Fonia Fissa, Fonia e Dati Mobili, Rete Dati: formato PDF con documentazione traffico in formato CSV.
  • Controllo fatture Telecom Italia – Servizi di Fonia Fissa, Numeri Verdi, Rete Dati: EBILL – formato CSV per Riepilogo Fattura, Dettaglio Fattura, Dettaglio Traffico Fonia e Dettaglio Traffico Voip.
  • Controllo fatture Telecom Italia (2) – Servizi di Fonia Fissa, Numeri Verdi, Rete Dati: EDI*BILL – formato proprietario per Fonia Singola, Trasmissione Dati, Fonia Aggregata e Rete Intelligente.
  • Controllo fatture Telecom Italia (3) – Servizi di Fonia e Dati Mobili: EBILL Formato ASCII (nome file “XMLDATA_…txt”) con documentazione del traffico  Analitico: Dettaglio del Traffico per Contratto (file “…AF.dat”) e Ricaricabili (file “…A.dat”).
  • Controllo fatture Tre - Servizi di Fonia e Dati Mobili: Report in formato Excel - Report Dettaglio Traffico e Report Aggregato.
  • Controllo fatture Vodafone – Servizi di Fonia Fissa, Fonia e Dati Mobili, Rete Dati: Conto Telefonico Elettronico (CTE) – formato Excel con documentazione del Dettaglio delle chiamate inclusa nel CTE o su file ASCII separato (file “…asc_det”); elaborazione anche delle Ricaricabili documentate fuori fattura nel CTE; Conto Telefonico ASCII (CTA) Formato ASCII con documentazione del Dettaglio delle chiamate inclusa nel CTA o su file ASCII / CSV separato.
  • Controllo fatture Wind – Servizi di Fonia Fissa, Fonia e Dati Mobili, Rete Dati: formato PDF + Excel, con dettaglio chiamate in formato CSV.

Dal punto di vista dei flussi di fatturazione, siamo in grado di elaborare tutti i principali operatori che erogano servizi TLC per il mercato Corporate in Italia.

In Italia

  • BT
  • Colt
  • Fastweb
  • Orange
  • Telecom Italia
  • Vodafone
  • Welcome
  • Wind3

In Europa

Abbiamo esteso le nostre procedure anche ai principali operatori Europei, con particolare focus sulla Fonia e Dati Mobili; quelli che già oggi elaboriamo per i nostri clienti sono:

  • Belgio: Mobistar
  • Francia: Orange
  • Germania: Vodafone
  • Lussemburgo: Tango
  • Olanda: KPN
  • Romania: Vodafone
  • Spagna: Movistar
  • Ungheria: T-Mobile
  • UK: O2, Vodafone